Apple e la vicenda Foxconn

Foxconn

Mentre i fan della Mela Morsicata conta le ora che ci dividono dal 7 marzo, giorno designato per la presentazione dell’iPad 3 (o iPad 2S?), da Cupertino devono fare i conti con le polemiche attorno a Foxconn, azienda di proprieta’ Apple, accusata di sfruttare con orari impossibili i propri dipendenti cinesi, tra le altre cose sottopagati.

Pare che dopo il polverone Foxconn aumentera’ gli stipendi del 20 per cento e ridurra’ gli straordinari. “I problemi non derivano dall’intensita’, dal sovraccarico e dalla pressione che si trovano in una fabbrica di indumenti, ma dalla monotonia e forse dall’alienazione – dichiara Auret van Heerden, a capo della Fair Labor Association – Molte persone che lavorano in aziende cinesi provengono da aree agricole, e spesso hanno lasciato per la prima volta la propria famiglia”.

Leggi Più

img

Unione Europea: “Entro tre anni sette oggetti collegati a internet in ogni casa”

“Vogliamo promuovere un sistema che sia funzionale ai nostri obiettivi economici e sociali e che garantisca la sicurezza e rispetti la vita privata” ha spiegato il commissario Ue responsabile per l’Agenda digitale, Neelie Kroes. Secondo l’Unione Europea, entro il 2015 ogni cittadino europeo possiedera’ sette oggetti collegati a internet, per un totale di 25 miliardi […]

img

Paramount, canale cinema gratuito

Paramount Pictures lancera’ in Italia un nuovo canale TV gratuito entro fine anno dedicato alla programmazione di film. Non e’ ancora certo quando e, soprattutto, dove. Sul digitale terrestre o sul satellite? “Si tratta di calcolare come destinare i diritti di prima e seconda visione e risolvere una marea di altri cavilli burocratici – ha […]

img

Digitale terrestre, nuovo regalo a Mediaset?

“Compare all’orizzonte un regalo inaspettato dal governo per Mediaset: un’ottima frequenza quasi gratis, che finora e’ stata utilizzabile solo per la tv su cellulare e che presto servira’ anche per il digitale terrestre – scrive La Repubblica – E’ lo scenario che si sta preparando per via del nuovo codice delle Comunicazioni, approvato dal governo […]