La difficolta’ della stampa a “dialogare” con il web

Stampa web

BlogMeter, societa’ di analisi delle conversazioni e delle interazioni in rete tra aziende e utenti, ha stilato il primo Rapporto sulle performance dei giornali cartacei su Facebook, passando in rassegna ben 161 testate, analizzate per numero di fan e interazioni.

Delle 161 testate considerate dall’indagine, il 63% vanta una pagina su Facebook, un valore ottenuto grazie ai quotidiani (88%), mentre solo la meta’ dei settimanali (48%) e dei mensili (51%), ha sino ad oggi compiuto questo passo.

Per quanto riguarda i quotidiani La Repubblica e Il Fatto Quotidiano sono i leader per numero di fan e capacita’ di ‘engagement’, ossia coinvolgimento dei lettori in termini di like, commenti, condivisioni, post spontanei. Nel complesso la stampa “fatica ancora a coinvolgere adeguatamente i propri fan in un dialogo interattivo e costante”.

Leggi PiĆ¹

img

Digitale terrestre, dal 2015 servira’ nuovo decoder

L’ennesima beffa per gli utenti italiani, gia’ costretti a fare i salti mortali nelle regioni in cui il segnale analogico e’ gia’ stato spento. Fra soli tre anni saranno costretti a cambiare nuovamente il proprio decoder. Si perche’ dal 2015 i televisori dovranno “obbligatoriamente integrare lo standard dvb-t2”. E’ quanto impone il decreto che ha […]

img

Siamo vicini ad una nuova “bolla Internet”?

Oltre dieci anni fa la prima bolla di internet provoco’ disastri sul mercato finanziario americano. Ora lo sviluppo del web 2.0 e’ arrivato a tal punto da far girare piu’ soldi dell’intera economia americana. E gli analisti cominciano a temere lo scoppio di una nuova bolla. A far suonare un nuovo campanello d’allarme la decisione […]

img

Siamo vicini ad una nuova “bolla Internet”?

Oltre dieci anni fa la prima bolla di internet provoco’ disastri sul mercato finanziario americano. Ora lo sviluppo del web 2.0 e’ arrivato a tal punto da far girare piu’ soldi dell’intera economia americana. E gli analisti cominciano a temere lo scoppio di una nuova bolla. A far suonare un nuovo campanello d’allarme la decisione […]