Malware, Italia al nono posto

Malware Italia

“Il totale degli attacchi malevoli quali virus, worm, trojan, spam, phishing, botnet cioe’ reti di computer controllati in remoto e utilizzati come veicolo per inviare attacchi coordinati nonché network attack e web based attack bloccati da Symantec nel 2011 e’ stato di 5,5 miliardi, con una crescita del 81% rispetto allo scorso anno. A questo proposito l’Italia, rispetto al 2010, scende di un “gradino” nella classifica mondiale, passando dall’ottavo al nono posto (quarta a livello Emea) – scrive La Repubblica –

A dirlo e’ l’Internet Security Threat Report Volume 17, il report annuale di Symantec che misura le minacce in Internet, dal quale emerge anche che il numero di varianti uniche di malware e’ salito a 403 milioni e quello relativo agli attacchi web bloccati giornalmente ha avuto un incremento del 36 per cento, le attivita’ di phishing hanno continuato a crescere, mentre i livelli di spam sono scesi considerevolmente e le nuove vulnerabilita’ rilevate sono diminuite del 20 per cento”.

Leggi Più

img

Guerra dei brevetti, la risposta di Facebook a Yahoo

Qualche settimana fa avevamo fatto cenno all’ennesima causa giudiziaria che vede protagoniste le grandi major dell’It, con Yahoo che aveva sporto denuncia nei confronti di Facebook in merito alla presunta violazione di brevetti. Dato che quasi sempre queste diatribe rappresentano soprattutto una guerra di nervi, Palo Alto ha contrattaccato citando a sua volta il motore […]

img

Sicilia, l’ultima a spegnare il segnale analogico

Sara’ la Sicilia l’ultima regione italiana a spegnere definitivamente il segnale analogico, completando cosi’ lo switch-off, il passaggio al digitale terrestre. Le operazioni inizieranno il prossimo 18 giugno. Ricordiamo ai cittadini che ancora non si sono “preparati” che hanno due alternative fra cui scegliere. Una e’ dotarsi del decoder che va collegato al televisore. La […]

img

Digitale terrestre Sicilia, un centinaio le televisioni locali a rischio chiusura

“Le televisioni locali rischiano di polverizzarsi, sia per la crisi economica che il nostro Paese (ed ancor di piu’ la nostra Regione) sta attraversando, sia per la maggiore ‘forza’ dei grandi gruppi televisivi, che in virtu’ di un potere contrattuale superiore riescono a resistere meglio sul mercato editoriale, rispetto alle piu’ modeste realta’, la cui […]